Val d’Orcia: le meraviglie della toscana meridionale

Di luoghi belli e mozzafiato la Toscana è gremita, ma la magia che si respira in Val d’Orcia è davvero più unica che rara per la nostra Penisola. Cosa caratterizza questo pezzo di terra che si snoda dalla provincia di Siena fino a Grosseto? Cosa c’è di interessante da vedere in questi luoghi così caratteristici della campagna italiana? Scoprilo qui!

 

Storia e natura si fondo in Val d’Orcia

Già dal 2004 la Val d’Orcia è diventata un parco naturale e culturale protetto ed è entrata a far parte addirittura dei siti Patrimonio dell’Umanità per l’Unesco. Già solo questi riconoscimenti possono far intuire quanto questo lembo di terreno costituito per lo più da campagne coltivate a grano, sia dotato di caratteristiche uniche.

La valle è stata scavata dalle acque del fiume Orcia, da cui essa prende il nome ed offre paesaggi mozzafiato ai turisti che scelgono di visitarla. Caratterizzata da un’infinita varietà di colori che mutano a seconda delle stagioni, è stata fonte d’ispirazione per moltissimi artisti rinascimentali, che in queste terre hanno trovato la loro musa.

Ad adornare la valle vi sono anche preziose costruzioni umane, fra cui castelli medievali, masti, borghi antichi e casali di campagna che impreziosiscono l’ambientazione, donandole quel tocco di magia che tanto fa sognare chi in essa i perde.

 

La Val d’Orcia è terra di prodotti genuini

Oltre ad essere un prezioso luogo di straordinaria bellezza, la Val d’Orcia è anche una terra fertile che riesce a dare alcuni dei prodotti più caratteristici della Toscana. Fra i più rinomati non si può non citare il Brunello di Montalcino, il pecorino di Pienza, l’ olio extravergine di oliva e molte altre prelibatezze che la rendono unica anche dal punto di vista culinario.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento